La creazione di un business plan immobiliare vincente è la base per dar vita al successo della tua attività real estate.

Business plan immobiliareIl business plan immobiliare è uno strumento basilare per impostare un progetto relativo ad una o più aperture di nuove agenzie real estate, limitando notevolmente attraverso il suo utilizzo, i rischi relativi alla fase di lancio ed avviamento. Oppure anche per lanciare una nuova tipologia di servizio offerto dalla tua azienda immobiliare.

Cos’è un business plan ?

Il business plan, non è altro che un documento in formato cartaceo (o in formato digitale come può essere ad esempio una presentazione in power point), che concretizza un progetto imprenditoriale sviluppato tramite un’analisi di fattibilità approfondita.

Il piano può e deve essere realizzato, oltre che nella fase di start-up anche in fasi più avanzate del ciclo di vita aziendale, come ad esempio: il lancio di un nuovo prodotto o servizio, l’avvio o la modifica di una strategia commerciale, oppure più semplicemente durante una fase di consolidamento dell’azienda sul mercato.

Realizzare un business plan immobiliare vincente

Per realizzare un business plan immobiliare vincente, una costante indiscutibile riguarda il fatto che i dati, le informazioni le previsioni e tutti i numeri inseriti al suo interno devono rispecchiare il più possibile la realtà. La distorsione di questi elementi infatti non solo può causare la realizzazione di un business plan immobiliare poco efficiente, ma addirittura può arrecare gravissimi danni commerciali alla tua attività real estate, in quanto potrebbe portarti ad intraprendere delle decisioni dal punto di vista operativo totalmente sbagliate.

Nonostante la vastità degli argomenti da trattare, per quanto riguarda la creazione di un business plan preveda quanto meno un intero libro per il suo approfondimento, in questo articolo ho voluto sintetizzare gli elementi principali che possono aiutarti per realizzare un business plan vincente per la tua agenzia immobiliare:

  • Panoramica attività: L’introduzione deve includere la mission aziendale alla quale la tua attività immobiliare mira a concorrere, una breve descrizione del mercato real estate attuale e la valutazione del vantaggio strategico rispetto la concorrenza.
  • La parte economico – finanziaria: previsione delle spese e degli utili a 12 o 24 mesi, lo storico delle spese e degli utili relativi agli esercizi precedenti, lo stato patrimoniale dell’anno in corso, eventuali analisi break even, la previsione dei flussi finanziari, ed il budget.
  • Panoramica sulle competenze: Manifestare i profili vantati nella tua organizzazione immobiliare e le competenze professionali del titolare e dei dipendenti della tua attività real estate, evidenziandone i relativi pregi.
  • Il piano marketing immobiliare: Comprende un’analisi abbastanza approfondita della concorrenza, i punti di forza che riguardano il proprio business immobiliare, l’analisi del tuo mercato di riferimento e le relative strategie marketing. Vedi anche Creare un piano marketing efficace
  • Analisi di mercato: Un focus esterno alla tua agenzia immobiliare che sia mirato ai fattori macroeconomici che possono modificare i trend del mercato immobiliare di riferimento, evidenziando eventuali opportunità e rischi.
  • Stabilire gli obiettivi: Prefissare gli obiettivi suddividendoli temporalmente, con cadenze mensili, trimestrali, semestrali ed annuali.

Modalità di realizzazione del business plan

Per la realizzazione di un business plan immobiliare che possa rivelarsi efficace, è molto importante oltre ovviamente al contenuto dello stesso, anche la sua modalità di presentazione. In virtù di ciò può esserti molto utile un sito web molto interessante in quanto ricco di modelli ed esempi da poter utilizzare per realizzare materialmente il tuo business plan. Il sito web è: bplans

Il fulcro cruciale per sviluppare un business plan immobiliare vincente è indubbiamente il lavoro che viene svolto preventivamente alla sua redazione. Prima di iniziare a scrivere il business plan, è infatti necessario effettuare una raccolta di dati come spiegato nel punto precedente. Il reperimento dei dati deve comprendere un’analisi dettagliata della concorrenza e del tuo mercato immobiliare di riferimento, questa indagine è opportuno ripeterla ciclicamente almeno due volte l’anno, in maniera tale da poter avere la situazione aggiornata.

Altro elemento davvero molto importante per la stesura del piano, è l’individuazione e l’impostazione degli obiettivi che vuoi che la tua agenzia immobiliare possa raggiungere. Gli obiettivi devono essere stabiliti in maniera tale da poterli verificare costantemente e che siano realistici.

Inoltre una volta terminata la stesura del business plan, il lavoro su di esso è tutt’altro che ultimato. Infatti è necessario almeno a livello trimestrale compiere delle verifiche e degli aggiornamenti con cadenza periodica, quanto meno a livello semestrale. In quanto possono esserci tantissimi episodi che possono variare le condizioni esterne ed interne del tuo mercato immobiliare di riferimento.

Conclusioni

Come ti ho indicato anche prima il business plan è davvero un argomento molto vasto ed è estremamente riduttivo pensare di poterlo trattare in maniera adeguata in un singolo articolo. Pertanto l’obiettivo di questo post è semplicemente quello di fornirti una infarinatura anche se molto superficiale, per permetterti di conoscere qualcosa in più riguardo come sviluppare il tuo business plan immobiliare.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Ricevi gratuitamente i suggerimenti di web marketing immobiliare (max 1 e-mail a settimana).
La creazione del business plan immobiliare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Condivisioni