scenario immobiliare

Lo scenario immobiliare attuale in Italia

Lo scenario in ambito real estate venutosi a creare nel post lock-down inizia a delineare quali tipologie immobiliari produrranno maggiore appeal da parte degli investitori.

L’interruzione dovuta al COVID ha scaturito un freno generale ai segnali di rafforzamento nello scenario immobiliare in Italia.

Ciò ha causato delle conseguenze in merito all’andamento del mercato, delle disponibilità economiche delle famiglie e delle prospettive di investimento in ambito real estate.

Qual’è lo scenario immobiliare attualmente ?

Nonostante le difficoltà riscontrate in questo periodo la domanda continua però ad essere sostenuta.

Le previsioni elaborate dalle principali società immobiliari sembrano essere abbastanza univoche.

E’ probabile per alcuni segmenti di immobili corporate la sofferenza dei canoni di locazione durante l’anno in corso di circa il 15%.

Mentre per le compravendite le previsioni sono di un decremento generalizzato. Esso può aggirarsi intorno al 10% per quanto riguarda le location di maggior prestigio, e del 30% per quelle meno ambite. 

Gli immobili retail

Assolutamente probabile anche il prosieguo del periodo non favorevole per i centri commerciali.

In tale contesto infatti le strutture maggiormente performanti avranno la possibilità di acquisire quote di mercato a discapito dei complessi commerciali strutturati con un ottica meno moderna. 

Anche gli immobili retail vivranno una vera e propria selezione naturale, in cui il settore food risulta assolutamente avvantaggiato rispetto alle attività impiegate nel non food, soprattutto per quanto riguarda le realtà imprenditoriali non particolarmente strutturate. 

E’ indubbiamente il settore degli immobili ad uso alberghiero a registrare durante il primo semestre del 2020 la frenata più forte rispetto ai volumi di investimento registrati lo scorso anno.

Le unità immobiliari logistiche

Le unità immobiliari con destinazione logistica sembrano invece essere indifferenti agli effetti della crisi pandemica. Soprattutto per quanto riguarda l’ambito direttamente collegate alle attività di e-commerce.

In questo settore si sta verificando un doppio andamento.

Da un lato infatti la logistica legata alle attività che maggiormente stanno soffrendo l’impatto del lock-down, non sta fornendo risposte molto positive.

L’altra faccia della medaglia invece vede l’incremento dei volumi di affari dell’e-commerce. Ciò sta spingendo ulteriormente il trend di crescita degli immobili logistici riferiti a questo particolare ambito.

Ed è probabile come nei prossimi mesi potremo assistere ad un incremento delle attività di sviluppo immobiliare in questo ambito.

Le prospettive per il secondo semestre 2020

Nonostante alcuni scenari si stiano già definendo è difficile prevedere con una certa sicurezza quali possono essere gli scenari futuri.

Le variabili in gioco sono ancora molte. Sicuramente un elemento fondamentale in ottica immobiliare proviene dalle decisioni economico e finanziarie che saranno messe in campo dal Governo e dall’Unione Europea.